Flash mob di Greenpeace Treviso

Continua a leggere

Annunci

Oderzo – Festival del Bene Comune 2011

Oderzo – Parco di Via Pontremoli (Zona Piscine/Palazzetto dello Sport)

4 giugno 2011

FESTIVAL DEL BENE COMUNE
Per promuovere il valore dell’acqua pubblica e delle energie rinnovabili.

ORE 21:
SÌ SUONA – Concerto del QUARTETTO DESUETO (Giacomo Da Ros, basso e voce — Mauro Da Ros, chitarra e voce — Aldo Betto, chitarre — Cesare Ceschin, sax chitarra e voce — Max Castlunger, percussioni)
Aprono il concerto THE FLORENZ

Per tutta la durata dell’evento sarà presente lo STAND allestito dall’ Osteria Cicchetteria AL BERSAGLIERE.

Dalle ORE 17:
Apertura stand a cura dello stand gestito dal Bersagliere
SCAMBIO-LIBRI GRATUITO a cura dei Giovani per Oderzo
Banchetto libri della BOTTEGA DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE
Banchetto informativo del GAS Oderzo — Gruppo d’Acquisto Solidale

Tentativo di scippo sul nucleare

scippo nukeL’emendamento presentato dal Governo e votato dal Parlamento è il tentativo abbastanza maldestro di scippare al popolo italiano il diritto di decidere sulla reintroduzione in Italia del nucleare.
Le norme approvate non sono affatto abrogative, ma rappresentano, come dichiarato anche dai Comitati Dossetti per la Costituzione, palesemente una semplice moratoria; in quanto propongono di sospendere la “definizione ed attuazione del programma di localizzazione, realizzazione ed esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare”, in attesa e “al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche, mediante il supporto dell’Agenzia per la sicurezza nucleare, sui profili relativi alla sicurezza nucleare”.

Volontà dilatoria confermata dalle dichiarazioni del Presidente del Consiglio Berlusconi, e che va contro la sentenza n.69 del 1978 della Corte Costituzionale che prevede che qualora si modifichino le singole disposizioni senza modificare i principi ispiratori “il referendum si effettui sulle nuove disposizioni legislative”.

Non vi sono quindi margini interpretativi per la Corte di Cassazione, che si auspica quindi consenta agli elettori di pronunciarsi democraticamente su una scelta fondamentale per la politica energetica del nostro Paese.

Stefano Dall’Agata

Portavoce Comitato “Vota Sì per fermare il nucleare”

della Provincia di Treviso

11 05 25 Appello Comit Dossetti per referendum nucleare

SCACCO MATTO AL nuclea-RE

Marostica – Piazza Castello

giovedì 2 giugno · 12.00 – 13.00

con la regia di Carlo Presotto

Dopo il catastrofico disastro a Fukushima il governo Berlusconi ha tentato di chiudere la partita sul nucleare con una spregiudicata quanto spregevole mossa: congelare la partita referendaria e spostarla in avanti, quando le condizioni per giocarla potranno essere più favorevoli agli interessi della sua squadra.

Questa mossa, spostare il referendum di lato e tornare in avanti domani con il nucleare, nel gioco degli scacchi si chiama “la mossa del cavallo”, e noi la riproporremmo davvero, proprio a Marostica dove ogni 2 anni nella grande cornice della piazza medioevale si tiene la memorabile partita con figuranti viventi.

Ricordate lo spot della partita a scacchi dello scorso inverno?
Il 2 giugno i referendari, stavolta schierati con i bianchi, saranno in campo per raccogliere la sfida e vincerla. Ai neri e al loro cavaliere non basterà, né a Marostica né in tutta Italia il 12 e 13 giugno, la mossa del cavallo.

Scarica il volantino

EVENTO FACEBOOK

Luogo: Marostica – Piazza Castello
Ora: giovedì 2 giugno 2011 12.00.00

Fermiamo il nucleare. Lo Spot TV

Questo è lo spot Tv del comitato Vota si per fermare il nucleare. Le televisioni stanno censurando l’informazione sui referendum, passando solo spot incomprensibili etichettati come istituzionali.

Facciamo circolare NOI le informazioni. Tutti insieme contro il nucleare

————————–

————————-
ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA PAGINA PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI
http://www.facebook.com/votasiperfermareilnucleare
http://www.fermiamoilnucleare.it/

Catena umana a Chioggia

Stiamo organizzando per sabato 21 maggio una grande manifestazione regionale a Chioggia (Ve).(anzi interregionale poichè parteciperanno anche delegazioni da altre regioni vicine).

L’iniziativa è lanciata su invito del comitato nazionale e coordinata dal comitato regionale Veneto “vota SI’ per fermare il nucleare” in collaborazione con il coordinamento regionale “2 SI’ per l’acqua bene comune” che ha già dato adesione e conferma di presenza.

la manifestazione avrà luogo:

SABATO 21 MAGGIO ALLE ORE 15.30
con ritrovo presso:

PIAZZALE EUROPA a SOTTOMARINA DI CHIOGGIA

(per chi arriva con i mezzo pubblici o con autobus organizzati è il piazzale principale di arrivo)La manifestazione si terrà presso la spiaggia di sottomarina dove realizzeremo, assieme ad altre attività di volantinaggio e sensibilizzazione, una delle 10 CATENE UMANE LUNGO LA BATTIGIA che si faranno lo stesso giorno in altrettante località d’Italia.Le località designate tra quelle possibili di localizzazione di una futura centrale nucleare per quanto riguarda il Veneto sono Chioggia, Legnago e Cavarzere.

Il gruppo locale di Chioggia del comitato provinciale veneziano ha già dato la sua disponibilità ad organizzare l’iniziativa se opportunamente sostenuto da TUTTI i comitati provinciali della regione.

L’iniziativa è molto importante poiché il risalto nazionale che potremmo dare alla nostra protesta sarà senza dubbio molto forte vista la concomitanza dei 10 eventi, inoltre il 21 maggio è una data ancora “utile” per affermare la nostra volontà di recarci alle urne il prossimo 12 e 13 giugno a dispetto di quanto prospettato dal nostro governo con il decreto farsa di cancellazione/moratoria degli articoli soggetti a referendum. il decreto andrà in discussione alla camera non più il 17-18 maggio come prospettato inizialmente ma pare il 22-24 e dunque è opportuno alzare la voce proprio in questo momento e far sentire che ci siamo e che vogliamo decidere del nostro futuro!

Per informazioni e comunicare la propria disponibilità ed il numero di partecipanti da ogni comitato contattare il portavoce del comitato regionale Oscar Mancini alla mail

un caro saluto

gigi lazzaro

 Su Facebook:

Luogo: Chioggia (Venezia-Veneto)
Ora: sabato 21 maggio 2011 15.30.00

Mogliano: autoSTOPnucleare – salta a bordo per la democrazia!


autoSTOPnucleare

salta a bordo per la democrazia! 

CONTINUA  NEL TREVIGIANO LA CAMPAGNA INFORMATIVA SUI REFERENDUM PER FERMARE IL NUCLEARE E LA PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA

STRISCIONE ANTINUCLEARE E PRO REFERENDUM APERTI IN PIAZZA A MOGLIANO E DI FRONTE AL MUNICIPIO

ACCOGLIENZA E GRANDE PARTECIPAZIONE AI BANCHETTI INFORMATIVI PER IL SÌ

A PREGANZIOL E MOGLIANO VENETO 

Quarta tappa nella provincia di Treviso per “AutoSTOP nucleare” la campagna informativa di Legambiente e dei Comitati “Vota SI per fermare il nucleare” e “2 SI per l’acqua bene comune”.

Si è svolta oggi la quarta tappa della campagna itinerante “autoSTOP nucleare – salta a bordo per la democrazia”.

Il Municipio di Mogliano Veneto ha fatto da sfondo, questo pomeriggio in tarda serata, all’iniziativa pro- referendum messa in campo dall’equipaggio della campagna “autoSTOP nucleare – salta a bordo per la democrazia!” con il fondamentale sostegno dei volontari dell’ANPI di Mogliano e degli attivisti del comitato locale “2 SI per l’acqua bene comune”. 

I volontari hanno srotolato i loro striscioni che invitano alla partecipazione al voto referendario il prossimo 12 e 13 giugno, ed esposto uno striscione per ricordare le tragedie di Chernobyl e Fukushima, un modo per ricordare ai propri concittadini i rischi a cui si andrebbe incontro se si dovesse concretizzare il ritorno all’atomo previsto dal governo italiano.

Recarsi alle urne il 12 e 13 giugno prossimi – commenta Arnoldo Frigessi di WWF Venezia– per votare SI e fermare la folle proposta di ritorno al nucleare in Italia, oppure votare no per dare il proprio benestare al programma nucleare italiano, è fondamentale diritto/dovere di ogni cittadino, come del resto – aggiunge Frigessi – esprimersi sulla privatizzazione o meno di un importante bene comune quale è l’acqua”.

Sia a Mogliano nel pomeriggio che a Preganziol dal mattino fino all’ora di pranzo, sono stati allestiti banchetti informativi dei comitati referendari ed i volontari delle associazioni hanno volantinato qualcosa come 4mila volantini in poche ore, ricevendo anche in questi comuni un’accoglienza davvero positiva.

I volontari di Legambiente si stanno impegnando strenuamente in questo mese per informare quante più persone possibili circa l’importante appuntamento referendario, poiché è importante ricordare ai cittadini che i referendum non sono cancellati, come invece sostiene goffamente questo governo sperando di gettare confusione per evitare una pesante sconfitta, viste le alte possibilità di raggiungimento del quorum e i temi così importanti in gioco.

Se nessuno si prende in carico quel necessario lavoro di equilibrata informazione che contraddistingue un paese democratico – afferma Gigi Lazzaro, responsabile della campagna autoSTOP nucleare – vorrà dire che ci informeremo e formeremo da soli.” “Ed è proprio questo – conclude Lazzaro – quello che stiamo facendo con autoSTOPnucleare: stare con la gente e tra la gente quotidianamente, informare “uno per uno” i cittadini per renderli consapevoli del proprio diritto ad esprimere democraticamente il proprio assenso o dissenso recandosi alle urne il 12 e 13 giugno, portando così il proprio contributo verso quelle fondamentali scelte che segneranno il futuro nostro e del nostro Paese”.

La campagna ideata da Legambiente Veneto per informare i cittadini riguardo i referendum del 12 e 13 giugno è realizzata a sostegno dei comitati referendari per fermare il nucleare e per l’acqua bene comune.

Informazioni dettagliate sulle tappe del il tour e su come partecipare alla campagna sono disponibili su Facebook (autoSTOPnucleare) e sul sito www.legambienteveneto.it.

(La foto-notizia del “blitz” di Mogliano sarà inviata dopo le 18,30).

Info:  333 8268258 – Gigi Lazzaro