Archivi categoria: Comitato Treviso

SÌ maggioranza assoluta. Grazie Italia

Come ringraziarci tutti, forse godendoci questo video.

Patti Smith è passata in Italia per l’Earth Day, e ha portato bene.

People have the power, e questa volta cara Italia il potere lo hai usato bene.

Annunci

Flash Mob a Oderzo

Due foto del flash mob che si è svolto domenica 5 giugno a Oderzo (Treviso). L’iniziativa, che ha suscitato interesse e consensi, è stata realizzata dal coordinamento opitergino per il sì.

In apertura al corteo lo striscione “esercita la democrazia, vota i referendum”, con bandiere per l’acqua bene comune e contro il nucleare “mai più Fukushima”.
Salute a tutt*
Dante Bedini

Festa di Chiusura

VENERDÌ 10 GIUGNO

Piazza dei Signori – TREVISO


PER I BENI COMUNI

PER L’ENERGIA PULITA
PER L’ACQUA PUBBLICA

dalle 18.00 alle 22.00 Musica, Stand, Poesia,
Giocoleria e tanta voglia di battere il quorum…
COMITATO REFERENDARIO TREVIGIANO DUE SÌ PER L’ACQUA BENE COMUNE
COMITATO REFERENDARIO TREVIGIANO FERMIAMO IL NUCLEARE
FESTA DI CHIUSURA
CAMPAGNA REFERENDARIA VOTA Sì
Concerto Swing con il Trio Scaleno

acquabenecomune.treviso@gmail.com

 Su Facebook:

Luogo: Piazza dei Signori
Ora: venerdì 10 giugno 2011 18.00.00

Il Paese del Sole

La Cassazione ha detto Sì!

Come avevamo preventivato la democrazia ha vinto. Il referendum sul nucleare si terrà il 12 e 13 giugno insieme ai due sulla privatizzazione dell’acqua e a quello sul legittimo impedimento. La Corte di Cassazione ha stabilito che le modifiche apportate dal governo alle norme sull’energia nucleare non precludono lo svolgimento del referendum, e ha detto stop al tentativo abbastanza maldestro di scippare al popolo italiano il diritto di decidere sulla reintroduzione in Italia del nucleare. La richiesta di abrogazione rimane la stessa, ma invece di applicarsi alla precedente legge si applicherà alle nuove norme sulla produzione di energia nucleare (art. 5 commi 1 e 8).
Ora tocca a tutti noi, cittadine e cittadini, decidere quale vogliamo sia il futuro dell’Italia e che paese desideriamo consegnare ai nostri figli. C’è solo da andare a votare e dire sì al bando del nucleare, fonte di disastri ambientali, vecchio e inutile e dannoso, e non rispondente al nostro bisogno di energia pulita.
L’Italia è pur sempre “il Paese del Sole”: facciamolo risplendere e sorridere il 12 e 13 giugno.

Stefano Dall’Agata

Portavoce Comitato Vota Sì per fermare il Nucleare

Provincia di Treviso

Flash mob di Greenpeace Treviso

Continua a leggere

Tentativo di scippo sul nucleare

scippo nukeL’emendamento presentato dal Governo e votato dal Parlamento è il tentativo abbastanza maldestro di scippare al popolo italiano il diritto di decidere sulla reintroduzione in Italia del nucleare.
Le norme approvate non sono affatto abrogative, ma rappresentano, come dichiarato anche dai Comitati Dossetti per la Costituzione, palesemente una semplice moratoria; in quanto propongono di sospendere la “definizione ed attuazione del programma di localizzazione, realizzazione ed esercizio nel territorio nazionale di impianti di produzione di energia nucleare”, in attesa e “al fine di acquisire ulteriori evidenze scientifiche, mediante il supporto dell’Agenzia per la sicurezza nucleare, sui profili relativi alla sicurezza nucleare”.

Volontà dilatoria confermata dalle dichiarazioni del Presidente del Consiglio Berlusconi, e che va contro la sentenza n.69 del 1978 della Corte Costituzionale che prevede che qualora si modifichino le singole disposizioni senza modificare i principi ispiratori “il referendum si effettui sulle nuove disposizioni legislative”.

Non vi sono quindi margini interpretativi per la Corte di Cassazione, che si auspica quindi consenta agli elettori di pronunciarsi democraticamente su una scelta fondamentale per la politica energetica del nostro Paese.

Stefano Dall’Agata

Portavoce Comitato “Vota Sì per fermare il nucleare”

della Provincia di Treviso

11 05 25 Appello Comit Dossetti per referendum nucleare

Mogliano: autoSTOPnucleare – salta a bordo per la democrazia!


autoSTOPnucleare

salta a bordo per la democrazia! 

CONTINUA  NEL TREVIGIANO LA CAMPAGNA INFORMATIVA SUI REFERENDUM PER FERMARE IL NUCLEARE E LA PRIVATIZZAZIONE DELL’ACQUA

STRISCIONE ANTINUCLEARE E PRO REFERENDUM APERTI IN PIAZZA A MOGLIANO E DI FRONTE AL MUNICIPIO

ACCOGLIENZA E GRANDE PARTECIPAZIONE AI BANCHETTI INFORMATIVI PER IL SÌ

A PREGANZIOL E MOGLIANO VENETO 

Quarta tappa nella provincia di Treviso per “AutoSTOP nucleare” la campagna informativa di Legambiente e dei Comitati “Vota SI per fermare il nucleare” e “2 SI per l’acqua bene comune”.

Si è svolta oggi la quarta tappa della campagna itinerante “autoSTOP nucleare – salta a bordo per la democrazia”.

Il Municipio di Mogliano Veneto ha fatto da sfondo, questo pomeriggio in tarda serata, all’iniziativa pro- referendum messa in campo dall’equipaggio della campagna “autoSTOP nucleare – salta a bordo per la democrazia!” con il fondamentale sostegno dei volontari dell’ANPI di Mogliano e degli attivisti del comitato locale “2 SI per l’acqua bene comune”. 

I volontari hanno srotolato i loro striscioni che invitano alla partecipazione al voto referendario il prossimo 12 e 13 giugno, ed esposto uno striscione per ricordare le tragedie di Chernobyl e Fukushima, un modo per ricordare ai propri concittadini i rischi a cui si andrebbe incontro se si dovesse concretizzare il ritorno all’atomo previsto dal governo italiano.

Recarsi alle urne il 12 e 13 giugno prossimi – commenta Arnoldo Frigessi di WWF Venezia– per votare SI e fermare la folle proposta di ritorno al nucleare in Italia, oppure votare no per dare il proprio benestare al programma nucleare italiano, è fondamentale diritto/dovere di ogni cittadino, come del resto – aggiunge Frigessi – esprimersi sulla privatizzazione o meno di un importante bene comune quale è l’acqua”.

Sia a Mogliano nel pomeriggio che a Preganziol dal mattino fino all’ora di pranzo, sono stati allestiti banchetti informativi dei comitati referendari ed i volontari delle associazioni hanno volantinato qualcosa come 4mila volantini in poche ore, ricevendo anche in questi comuni un’accoglienza davvero positiva.

I volontari di Legambiente si stanno impegnando strenuamente in questo mese per informare quante più persone possibili circa l’importante appuntamento referendario, poiché è importante ricordare ai cittadini che i referendum non sono cancellati, come invece sostiene goffamente questo governo sperando di gettare confusione per evitare una pesante sconfitta, viste le alte possibilità di raggiungimento del quorum e i temi così importanti in gioco.

Se nessuno si prende in carico quel necessario lavoro di equilibrata informazione che contraddistingue un paese democratico – afferma Gigi Lazzaro, responsabile della campagna autoSTOP nucleare – vorrà dire che ci informeremo e formeremo da soli.” “Ed è proprio questo – conclude Lazzaro – quello che stiamo facendo con autoSTOPnucleare: stare con la gente e tra la gente quotidianamente, informare “uno per uno” i cittadini per renderli consapevoli del proprio diritto ad esprimere democraticamente il proprio assenso o dissenso recandosi alle urne il 12 e 13 giugno, portando così il proprio contributo verso quelle fondamentali scelte che segneranno il futuro nostro e del nostro Paese”.

La campagna ideata da Legambiente Veneto per informare i cittadini riguardo i referendum del 12 e 13 giugno è realizzata a sostegno dei comitati referendari per fermare il nucleare e per l’acqua bene comune.

Informazioni dettagliate sulle tappe del il tour e su come partecipare alla campagna sono disponibili su Facebook (autoSTOPnucleare) e sul sito www.legambienteveneto.it.

(La foto-notizia del “blitz” di Mogliano sarà inviata dopo le 18,30).

Info:  333 8268258 – Gigi Lazzaro