Archivi categoria: Comitato Nazionale

Quorum: – 9%

Manca il voto del 9% degli elettori allo storico traguardo del quorum. Alle 22 di oggi l’affluenza ha toccato il 41,1% . In Sardegna, il 15 maggio scorso, al referendum che ha portato complessivamente alle urne il 60% dei cittadini dell’isola, alle 22 aveva votato il 39,8% degli elettori. Oggi siamo quasi un punto e mezzo sopra quella soglia. Domani si vota dalle 7 alle 15: ce la dobbiamo fare!

Annunci

Fermiamo il nucleare. Lo Spot TV

Questo è lo spot Tv del comitato Vota si per fermare il nucleare. Le televisioni stanno censurando l’informazione sui referendum, passando solo spot incomprensibili etichettati come istituzionali.

Facciamo circolare NOI le informazioni. Tutti insieme contro il nucleare

————————–

————————-
ISCRIVETEVI ALLA NOSTRA PAGINA PER ESSERE SEMPRE AGGIORNATI
http://www.facebook.com/votasiperfermareilnucleare
http://www.fermiamoilnucleare.it/

Lettera ai candidati alle amministrative

Il 15 e 16 si vota per le amministrative. Tu lo vorresti un sindaco a favore del nucleare? Chiedi ai candidati se sono pro o contro. Sul sito trovi una lettera: mandala al tuo candidato, chiedigli il suo ‘certificato anti-nucleare’. Staniamo i candidati pro-atomo!

Scarica il documento

Mario Tozzi: perchè dico SI contro il nucleare

On line il canale YouTube di Fermiamo il nucleare.

ROMA, 12 marzo: Presentazione della campagna referendaria “VOTA SI’ per fermare il nucleare”

Locandina Incontro pubblico 12 marzo per la presentazione del Comitato VOTA SI per fermare il nucleare

COSTOSO, INSICURO, PERICOLOSO PER SALUTE E AMBIENTE


Obiettivo 25 milioni. Il Comitato nazionale VOTA SI’ per fermare il nucleare lancia la sua sfida referendaria per portare al voto almeno 25 milioni di cittadini e far prevalere il sì.  Nonostante una massiccia campagna di disinformazione, il nucleare resta costoso, continua ad essere insicuro e a mettere a rischio la salute e l’ambiente, senza liberare l’ Italia dalla dipendenza energetica (l’ uranio si deve importare).

Le stime più recenti fatte negli USA dimostrano che al 2020 il costo del kilowattora nucleare sarà del 75% maggiore di quello del  gas e del 27% dell’ eolico. Non ci sono certezze dal punto di vista sicurezza,  anche i nuovi reattori non sono stati progettati con criteri di sicurezza intrinseca, cioè in caso di incidente non sono in grado di  autoregolarsi. I lavoratori delle centrali e i cittadini che vi abitano intorno sono sempre a contatto diretto con la radioattività,  un’ indagine fatta in Germania  sulle 17 centrali, ha mostrato una dipendenza dell’insorgenza di patologie infantili (bambini da 0 a 5 anni) dalla vicinanza alla centrale e: addirittura, nel raggio di 5 km dalla centrale è stato rilevato un incremento rispetto alla media di 1,6 volte dei tumori embriogenetici (del feto nel ventre materno) e di 2,2 volte delle leucemie infantili rispetto ai casi attesi. Resta ancora irrisolta la questione delle scorie ed anche per quanto riguarda la riduzione delle emissioni di CO2 è stato valutato che anche raddoppiando  l’ attuale potenza nucleare installata, la CO2 si ridurrebbe solo del 5%.

Alla presentazione della campagna referendaria, cui parteciperanno rappresentanti del Comitato Nazionale e dei Comitati locali ed esperti scientifici come Gianni Mattioli e Massimo Scalia, verranno anche presentati gli argomenti della campagna referendaria.

La campagna referendaria sarà presentata sabato 12 marzo alle ore 10 presso la Facoltà di Ingegneria a San Pietro in Vincoli (Aula del Chiostro, Via Eudossiana 18)

COMITATO VOTA SI’ PER FERMARE IL NUCLEARE

segreteria@fermiamoilnucleare.it tel.3472184795

www.fermiamoilnucleare.it

———————————————————————————————————————————————–

Le adesioni

Acli, AEM terra nuova, AIAB, Alleanza per il Clima, ALPA-ASSOCIAZIONE LAVORATORI PRODUTTORI AGROALIMENTARE, Alternativa, AltraMente, Altro.Ve Rete per un altroveneto, Amici della Terra, Arci, Arci servizio Civile, Articolo 21, ASud – Rigas, Auser, CEPES, Cgil Lazio, Cgil Umbria, Città Amica, Comitato SI’ alle Rinnovabili NO al nucleare, Costituente Ecologista, CRBM – Campagna per la Riforma della Banca Mondiale, Eco, Ecologisti Democratici, Energiafelice, Eurosolar Italia, Fare Verde, Federazione nazionale Pro Natura, Federconsumatori, Fiom–Cgil, Focsiv – Volontari nel mondo, Fondazione Culturale Banca Etica, Fondazione Culturale Responsabilità Etica Onlus, Forum Ambientalista, Greenpeace, ISDE-Medici per l’Ambiente, Italia Nostra, Jane Goodall Institute Italia, L’Altro Quotidiano, Legambiente, Libera Associazione Origine, Libera Contro le mafie, Libera Università di Alcatraz, Liberacittadinanza, LIPU-Birdlife Italia, Mountain Wilderness Italia, Movimento Difesa del Cittadino, Otherearth forum energia ricerca, Rete della Conoscenza, Rivista Confronti, Servizio Civile Internazionale S.C.I., Slow Food, Terra Nuova, Terra Quotidiano, Terra! Onlus, VAS, WWF, XXV Aprile, Ya Basta-Rigas